In Cina c’è una città in fase di costruzione. Si chiama Xiong’an e sta crescendo a vista d’occhio.

Xiong’an è una città concept la cui costruzione è stata inaugurata nel 2017 dal Governo cinese.

Farà da capofila di un progetto ben più ambizioso che prevede la costruzione di 500 città “del futuro”.

Sì, perché Xiong’an ha caratteristiche uniche delle quali è opportuno parlare, seppur brevemente.

La città si colloca nella provincia di Hebei.

L’idea è quella di creare uno spazio urbano ad altissima tecnologia con una forte propensione ecologica.

La tecnologia la fa già da padrone con altissimi livelli di automazione e sistemi di gestione basati su blockchain.

Il rispetto per l’ambiente è l’altro grande tema con la realizzazione di ampie aree verdi che permettono di mantenere aria e acqua realmente pulite e di ovviare la pesante problema asiatico, in particolare cinese, dell’inquinamento.

Altro dato interessante è quello economico.

Il progetto prevede infatti l’impegno di ingenti capitali cinesi e provenienti anche dall’estero.

Parliamo di 380 miliardi per la sola Xiong’an. Immaginate questa cifra moltiplicata per 500.

D’altro canto ovunque nel mondo esistono fantastiliardi da investire che troverebbero facilmente allocazione in progetti di questa portata.

Fin qui tutto bene? Direi di sì.

Qualche domanda me la pongo quando penso per esempio all’idea di impedire che nasca un mercato immobiliare privato.

Non che l’idea di mantenere una proprietà statale dell’intero parco immobiliare mi dispiaccia.

Il prezzo da pagare spaventa. Penso a quel sistema di credito sociale che i cinesi stanno testando e che potrebbe essere alla base di città come questa.

Qualora fosse applicato si tratterebbe di essere cittadini modello se si volesse vivere qui. In caso contrario si rischierebbe addirittura lo sfratto e l’espulsione dalla città.

Sembra una boutade, ma non è così. L’idea di fondo pare essere proprio quella.

In ogni caso si tratta di un progetto affascinante che merita di essere seguito con attenzione da qui al 2050, anno nel quale Xiong’an dovrebbe essere portata a termine.

Di seguito alcuni link da leggere:

La notizia fresca sull’avanzamento dei lavori dall’agenzia di stampa cinese: https://english.news.cn/20220331/efe8f73b2c6841bca51c9a9fefe9e265/c.html.

Un interessante articolo dell’anno scorso con molti dettagli tecnici: https://www.hitachi.com/rev/archive/2021/r2021_01/gir/index.html.

Un articolo in italiano con altre informazioni importanti: https://enricolainarchitectures.eu/xiongan-una-smart-city-made-in-china/.

Infine il video appena pubblicato da CGTN per celebrare il quinto anniversario dall’avvio del progetto.