Considerazioni matematiche (con suggerimento video), un’offerta diplomatica e la Carta della Coercizione.

Il “Milione” – Due parole sui festeggiamenti in tutto il mondo per il raggiungimento del “Milione” di morti per Covid-19 le vorrai pur dire.

Ricordiamo come è andata nei mesi di aprile e marzo in Italia (e, per quanto io ho potuto seguire, anche nella stragrande maggioranza degli altri paesi – dati e documenti li ho condivisi fin da principio).

A marzo i morti per Covid-19 venivano sistematicamente bruciati, ad aprile un po’ meno, ma il Ministero della Salute raccomandava (ordinava) ai medici anatomopatologi di non fare le autopsie. Fatte le autopsie si è scoperto che la diagnosi (polmonite interstiziale) era errata. Si è quindi evinto che le cure somministrate (farmaci e supporti di ventilazione) erano quel che di peggio si potesse utilizzare. Ne deduciamo che a marzo e aprile i morti per Covid-19 sono stati assassinati. Sia chiaro ancora una volta che non si intende attaccare medici e personale sanitario, ma coloro (OMS e referenti italiani) che hanno imposto protocolli sbagliati ai paesi che, come il nostro, hanno accettato supinamente. Che poi a vedere bene ci siamo guadagnati un bel video di complimenti da sbattere in faccia ai gonzi che ci credono.

Altro problema. Il 27 agosto Luca Zaia, Presidente della regione Veneto, afferma che “E’ sbagliato ma si fa così!”. Che cosa? Niente! E’ solo che quando ti tamponano e sei positivo (a uno qualsiasi dei coronavirus o anche ad altri virus più o meno anestetizzati – si vedano i miei video sull’argomento) lo sei per sempre. Morissi di qualsiasi altra causa tu sarai un morto Covid.

Altra cosa. L’ISS (Istituto Superiore della Sanità) divulga i numeri relativi alla comorbidità. Ad oggi siamo fermi al 96% di deceduti che avevano una media di 3,3 patologie pregresse gravi. Il 4% non aveva altro. Fate pure i conti se volete. Ah! Il CDC degli Stati Uniti fa la stessa cosa e, casualmente, registra le stesse percentuali. E meno male che i ceppi sono mille milioni e ogni paese ha il “suo” Coronavirus di fiducia. Andate a leggere.

Segnalo, a chiudere il blocco, il video di Matteo Gracis con altre quisquilie di cui a voi immagino freghi niente.

Gira voce che alcuni scienziati vogliano supporre un numero doppio di morti per Covid-19. Fatte tutte le premesse di cui sopra potremmo parlare, per l’Italia, di 200/300 persone. E sono stato largo in eccesso. All’estero siamo lì, ma fa niente.

Però voi mi raccomando, sempre attaccati alle mammelle di Mamma RAI e delle sue consorelle. Sennò poi vi prende fuoco il cervello.

Armenia e Azerbaijan sono il nuovo fronte di guerra del Caucaso. Sembrava giusto accendere un’altra miccia proprio ai confini con la Russia. Evidentemente con Lukashenko non è andata bene, per ora.

Intanto dall’Iran (https://www.tehrantimes.com/news/453034/Iran-Turkey-Russia-can-help-restore-Azerbaijan-Armenia-peace) segnalo l’offerta diplomatica per un terzetto Iran-Turchia-Russia a fare da pacieri. Stiamo a vedere…

Chiudo con il solito Blondet che narra della Carta della Coercizione di Albert Biderman. Un pezzo (https://www.maurizioblondet.it/la-carta-della-coercizione-di-biderman/) utile per non dimenticare quello che stanno tentando di fare ad ognuno di noi.

In chiusura di pezzo un riferimento ai dati del CDC degli Stati Uniti che ci ricordano come il rischio di morte per Covid-19 sia allo 0,003%, ovvero ridicolmente basso. A seguire un gustoso tweet che recita così:

La NASA dice che abbiamo uno 0,42% di possibilità che un asteroide colpisca la Terra. Le possibilità di morire per Covid-19 sono allo 0,26%. E’ tempo di scambiare la vostra mascherina con un elmetto.

Chapeau!